Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Luca Flagiello Fotografo Napoli – Blog News | October 17, 2019

Scroll to top

Top

Le fedi nuziali

Le fedi nuziali

“Ricevi questo anello, segno del mio amore e della mia fedeltà”… Gli occhi si emozionano e si perdono l’uno dentro l’altro, le mani si accarezzano per un attimo  e… la favola ha inizio.
Il momento più bello del rito matrimoniale è lo scambio delle fedi nuziali, che suggellano da secoli la promessa di amore eterno.  Eppure come mai è proprio l’anello il simbolo dell’unione matrimoniale?Perchè si mette all’anulare sinistro? Sceglierlo d’oro bianco, rosso o giallo? Vi dedichiamo il nostro articolo al fine di potervi donare un piccolo aiuto sulla scelta dei vostri anelli, prima però facciamo insieme un tuffo nel passato… Buona lettura.

Cenno storico:
Il primo popolo che usò l’anello come promessa d’amore eterno, furono gli egizi. La “vera” veniva indossata solo dalle spose e su di essa si applicavano simboli di scarabei e geroglifici.
Proprio gli egizi, scelsero l’anulare  sinistro per inserire l’anello, perchè credevano ci fosse un’arteria (chiamata vena amoris) che passando dal braccio  arrivasse fino al cuore, dove scorrono i flussi dei sentimenti.
L’utilizzo dell’anello, per lo stesso motivo, riguardava anche i Barbari ed i Greci. Nell’epoca romana invece  veniva utilizzato  per cosacrare in modo religioso la fede del cittadino all’ Ordinamento dello Stato Romano.( L’anello oro era destinato al cittadino libero, quello d’argento allo schiavo liberato e quello in ferro allo schiavo) mentre nel  fidanzamento  si donava alla donna  l’anello “anulus pronubus” come promessa di matrimonio, per poi successivamente, una volta sposati, sostituirlo con il “vinculum”, simbolo di fedeltà eterna ( dal nome Fides- Dea romana simbolo della lealtà)  L’ anello era in ferro, raramente in oro ed era destinato inizialmente all’uomo, successivamente alla donna. La matrona romana, era solita portare fedi nuziali sulle quali veniva applicata una piccola chiave, per simboleggiare la sua  importanza nella famiglia. Dal Medioevo in avanti, l’anello venne utilizzato per l’incoronazione di Imperatori e Re e per la  consacrazione di Papa, Vescovi e Sacerdoti.
L’anello nuziale prese la sua reale importanza ed indossato quindi da tutti gli uomini e donne  solo nel XVI, infatti ad unire con la firma i due sposi al matrimonio, c’era la presenza del notaio, solo successivamente  la sposa chiamava il sacerdote per la benedizione, che avveniva in casa. L’incisione del nome invece risale al Settecento. La scelta dell’oro, in prevalenza di colore giallo,  si deve ai cristiani, i quali sostengono che questo materiale prezioso sia il simbolo per eccellenza dell’eternità.

Tipologie di fedi nuziali:
Non tutti i popoli sono soliti inserire l’anello nuziale all’anulare sinistro, infatti in Spagna e nei paesi del Nord Europa, la collocazione  è a destra.

Esistono diversi tipi di fedi, vi riportiamo  i loro nomi ed il significato di ognuno:

  • Classica: tonda e smussata.
  • Sarda: decorata come un pizzo.
  • Francesina:sottile e leggermente bombata.
  • Mantovana: piatta ma molto alta rispetto alle altre e di solito pesa di più.
  • Etrusca: piatta e decorata da scritte beneauguranti.
  • Ossolana: proviene dalla Val d’Ossola ed è l’espressione massima della tradizione orafa del posto. La fede riporta quattro  simboli importanti: la stella alpina, simbolo di purezza, il grano saraceno, simbolo di prosperità, i nastri intrecciati, simbolo di perpetuità ed infine le mezze sfere, augurio di prolificità.
  • Ebraica: è in filigrana smaltata con decorazione in perline.
  • Umbra: con  incisione del volto di una donna o di una coppia divisa da un bouquet di fiori.
  • in Platino: è molto rara e costosa e poco usata.
  • la Bicolore: due cerchi intrecciati di oro giallo e bianco.
  • la Tricolore: tre cerchi intrecciati di oro giallo e bianco.
  • la Unica: ha incastonato un diamante

In italia è sempre più diffusa la fede nuziale di forma diversa l’una dall’altra, forse per imitare alcuni paesi del mondo, come  l’America, oppure per spezzare le buone usanze di un tempo.

Cari futuri sposi, oltre all’ augurio per la scelta delle Vostre fedi nuziali,  vi dedichiamo questa frase:

” L’amore guarda non con gli occhi ma con l’anima – W.Shakespeare…”


Alessandra Di Rosario